UN FILM CHE VEDREI


Navigo dal 1997, cioè da quando la velocità massima che potevi permetterti era 56Kb – a volte 128 – e se qualcuno ti mandava una foto, spesso per aprirla ci volevano almeno due ore. E il tutto andava fatto dopo le 18 o durante il fine settimana.
Quell’anno ho scoperto Fur On Film che non era un sito dedicato alle creazioni dei Ravizza aventi per destinazione finale i set cinematografici, ma una celebrazione delle celebrities con petto villoso.
E ogni anno i visitatori eleggevano il loro beniamino, un po’ come accade qui – in versione decisamente più casalinga – con il VH Factor.
Probabilmente F.O.F. non esiste più, o forse ha solo cambiato nome, sta di fatto che un bel giorno divenne sito a pagamento, e allora smisi di frequentarlo. Comunque per due edizioni consecutive fu eletto – aggiungerei meritatamente – come migliore portatore sano Jeremy Piven il quale a un certo punto della sua vita – vedi foto –, e non so in base a  quale instabilità psicologica, ha gettato il suo bendidio al vento entrando a far parte della setta dei fanatici della ceretta.
E io, preso dallo sconforto, ho cominciato a detestarlo, tipo che per dispetto non ho mai visto ‘Entourage’ – vabbè, chi mi conosce sa che non è andata proprio così, ma oggi sento il desiderio di assumere toni drama.


Però ora c’è in giro questo film – ‘I Melt With You’ – nel quale il Piven recita accanto al nostro Thomas Jane, a Rob Lowe e a un certo Christian McKay che credo di aver intravisto ne ‘I Borgia’.
Tanto per riassumere, la storia è quella di quattro quarantenni frustrati i quali ogni anno si ritrovano con l’intento di festeggiare per un’intera settimana il compleanno di uno di loro.

La pellicola è da qualche settimana in programmazione nelle sale statunitensi e qualcuno l’ha definita: ‘Una Notte Da Leoni sotto l’effetto degli stupefacenti’.
Vabbè, arriverà mai nelle sale italiane?
<iframe width=’500′ height=’315′ src=’http://www.youtube.com/embed/CTGC5Ot23KU’ frameborder=’0′ allowfullscreen></iframe>
(nel frattempo domani vado, finalmente, a vedere ‘Shame’ – nel frattempo ancora nessuna novità riguardante la distribuzione di ‘Dark Horse’ di Todd Solondz)

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.