X FACTOR 5 – LA FINALE

Ecco. È finita anche l’edizione più bella: quella con i concorrenti e i giudici più bravi.
La Quinta di X Factor.
Con Simonetta Maledetta che – proprio mentre si entrava tutti felici e contenti nel day of the Befana – è riuscita nell’intento di succedere a Morgan e Elio. E secondo me era tutta un segnodell’ombrello/ditomedio inside.
E con lei ha vinto Franceschina. E Antonella Ribella è arrivata terza.
Posso dire che me l’aspettavo? Insomma Franceschina/Elisa/IreneGrandi vs Antonella/LucaMarino/FiorellaMannoia. Devo aggiungere altro?
Occhei, aggiungo altro: ieri ho visto la finale in modalità gruppo d’ascolto ed ero certo di trovare le mie amiche lellealfa tutte pazze per la Lo Coco, e invece: << lei era bella durante i provini, con i jeans strappati, la maglietta slabbrata, i capelli punkrock; adesso è troppo sofisticata! >>
Inutile dire che le mie amiche lellealfa non c’arrivano a intuire che Tommassini può fare di tutto tranne cose sofisticate.
Inutile pure cercare di spiegare loro quanto il mondo musicale italiano sia privo di artiste all’altezza di ciò che sta avvenendo oltre i nostri confini. Insomma le Robyn, le Little Boots, le Lykke Li e via discorrendo. Ecco.
Inutile dire che le mie amiche lellealfa mi stavano quasi convincendo ad andare con loro al concerto della Mannoia.
Inutile dire che voglio bene alle mie amiche lellealfa.
Inutile infine dire che nella prima manche le mie preferenze sono andate – altrettanto inutilmente – alla mia beniamina; e così nello scontro finale – forse un po’ anche per dispetto – ho votato per quei cazzoni de I Moderni i quali pur essendo lontani da me tanto quanto una sfilata uomo dei Frankie Morello – sì, quelli che hanno vestito malissimo Arisa, e non ci credo che gli abiti li abbia pensati pure lei, e sono d’accordo con Marco Melandri: << Arisa si veste al sexyshop? >> – mi sono arrivati.
Comunque, sia ben chiaro, più tardi vado su iTunes e acquisto i pezzi di tutti i finalisti.
Comunque non smetterò mai di dire che ‘Morgan+Asia’ is the new ‘Krisma’.
(Arisa a Sanremo, please)

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.