MONSIEUR CANTONA (à la révolution comme à la rèvolution)

Insomma, sono giorni di Carfagne e Mussoline, Saviani e(ccheddue) Maroni, e quasi non mi accorgevo che il Cantona mi è diventato rivoluzionario.
Per farla breve, mentre era sul set di un nuovo film – dirige uno che prima faceva roba porno; se ben ricordo (faccetta con linguetta) del genere ‘una casalinga (di)sgraziata esce di casa, passeggia per vicoli e finisce tra le braccia di una comitiva di fusti’ – e gli hanno chiesto un commento riguardo le recenti proteste – cose francesi – contro la riforma delle pensioni.
Questa la risposta:
«È inutile che tre milioni di persone manifestino per strada sventolando la loro bandierina, non serve a niente. Il sistema è costruito sulle banche. E come si distruggono le banche? Riprendendoci il nostro denaro. Se tre, 10 milioni di persone ritirassero i soldi dal conto, le cose cambierebbero».
(fonte Corriere della Sera)
E così per il prossimo 7 dicembre è prevista un’azione di gruppo non solo in Francia, ma pure nel resto – Italia compresa – d’Europa, tanto per annientare il sistema bancario.
Per saperne di più c’è pure un sito, Bankrun2010.com; ma sarebbe sicuramente bello se qualche Signorino dell’infotainment nazionalpopolare approfondisse un attimino l’argomento, magari invitando proprio il Monsieur in questione.
E dato che qui siamo sempre e comunque avvezzi alle cose sciocche, ribadisco per l’ennesimo anno che mi sembra tanto assurdo il suo (del Cantona) non avere un posto fisso nelle posizioni più alte della graduatoria 100SexiestMenAlive di – Oh Silly Americans – People.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.