X FACTOR 4 – L’OTTAVA PUNTATA

Un unico dispiacere, non vedremo Dami sculettare durante ‘Single Ladies’.
Per il resto, puntata simpatica e abbastanza ritmata. E – detto à la Malika – maledizione! finalmente tante belle canzoni! Tranne due.

La classifica.
1 Kymera. Sempre meglio. Il pezzo più difficile della serata.
2 Nevruz. Avrei preferito non imitasse Modugno. Ma che bravo.
3 Nathalie. ‘Let The Sunshine’ l’ascolterei all’infinito; figurati, mi piacevano pure le rivisitazioni discopop di fine anni ’90. Se solo la ragazza fosse meno aggressiva...
4 Dami. Una delle due canzoni la cui scelta non mi è andata giù; chè ai tempi delle medie superiori l’abbiamo ascoltata e ballata un po’ troppo. Probabilmente – smorfiette a parte – la sua esibizione migliore.
5 Davide. Mi è sembrato distratto. E ha rovinato un capolavoro il cui ascolto spesso mi scombussola emotivamente.
6 Stefano. Preferisco ‘La Prima Cosa Bella’ nell’interpretazione dei Ricchi E Poveri. Quella di Malika mi ha sempre lasciato un po’ così. Lui ancora una volta molto debole e poco popstar.
7 Ruggero. Altra canzone che non avrei voluto ascoltare. Confusionario e disturbante. Ma non è una novità.

Sfida d’ingresso.
1 Apple Pies. Nome orrendo, a ‘sto punto sarebbe stato meglio – e anche più originale malgrado la poca attinenza con i Beatles – ‘Belle Hélène’. Orrenda pure l’immagine. Ma le tre voci insieme erano perfette.
2 Marika. La versione femminile di Dami – per Vh2, il solito scorretto: quello è uscito uomo ed è rientrato donna – è comunque entrata meritatamente. Voce bellissima, ma non fatela cantare in inglese! Inoltre un tantino pianobar.
3 Joe. Da quando ’50 Special’ mi è diventato pezzo del repertorio British? Abbastanza sfranta, no?
4 Elisabeth. Carina e, sempre in tema di sfrante, ne conosco due o tre che la Whitney la fanno decisamente meglio. E meno karaoke.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.