QUELLA VOLTA IN CUI AL BILLY ESTIVO MI PRESENTARONO ALAN CUMMING

Insomma, era in compagnia di un amico comune il quale, << Lui è Alan >>; e io che nei confronti delle celebrità – la tragedia è che succede anche con ‘le non’ tipo figuranti di programmi tv che seguo con assiduità – subisco il solito scompenso emotivo (che Matteo B. Bianchi anni fa definì genialmente ‘Sindrome di Warhol’), << Fabrizio, Nice! >>

Capisci? Dissi ‘Nice’ dimenticando ‘To meet You’ e mandando a ramengo gli otto anni di studio dell’inglese, le innumerevoli ore di conversation, il first, l’advanced, i progressi fatti traducendo agli amici i testi delle canzoni di Shirley Bassey, Dusty Springfield, Thelma Houston.

Vabbè, sta di fatto che Alan – ci hanno presentato, perciò gli do del tu – ha appena pubblicato un disco dallo stile vagamente confidenzialpopglam nel quale sono inclusi sedici classici da lui interpretati nel one-man extravaganza show (cit.) ‘I Bought A Blue Car Today’.

Essendo disponibile il download gratuito di ‘That’s Life’, originariamente di Sinatra, ho deciso di inserirlo nella playlist. Tanto per ascoltare qualcosa di particolare.

A proposito di musica e teatro. Questa sera, causa debutto di ‘Taxi A Due Piazze’ – ne avevo già parlato tempo fa, abbiamo collaborato ai costumi e alle musiche e la regia è della Laura – non vedrò la puntata anni ’80 di X Factor.

Essendo un po’ in apprensione – dopo ‘Un Senso’ ora gli hanno dato ‘Bandiera Bianca’ – per la sorte di Damiano, spero in qualche aggiornamento via sms. Poi domani cercherò, sorprendendo me stesso, di vedere il tutto in streaming o qualcosa del genere. 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.