BEST OF 2008 – PT.1 (50-41)

Per noi appassionati di hit parade musicali, vige una regola perentoria.

La classifica personale di fine anno NON deve mai essere resa nota prima del 20 dicembre.

Detto questo, causa entusiasmo derivante da un’interminabile selezione (le canzoni che ho ascoltato volentieri durante l’anno sono state 289), ho deciso di cominciare a pubblicare il ContoAllaRovescia con circa 48 ore d’anticipo.

Stilando l’elenco mi sono reso conto che, rispetto alle edizioni precedenti, è meno pop (fuori, anche se di poco, Britney, Madonna, Christina e Lady Gaga) e molto più adult/alternativo, tanto per darci un tono.

Si ascolta (al contrario) nella palylist a destra.

50 Visions of Violet – Josè James ft Flying Lotus >Non credo ci sia interprete migliore in circolazione. Stranamente non è inclusa in ‘The Dreamer’, il suo album d’esordio, ma è stata pubblicata solo come bside del singolo ‘Park Bench People’.

49 Bust Your Windows – Jazmine Sullivan >Molto più bella della #1 (negli USA) ‘Need U Bad’, è candidata ai GrammyAwards nella categoria Best R&B Song.

48 Momenti – Syria >Testo inedito di Sergio Endrigo musicato da Cesare Malfatti dei ‘La Crus’. Scartata all’ultimo Festival di Sanremo. Peccato.

47 See You Again (Johnny Coppola rmx) – Miley Cyrus >Ballabilissima e coinvolgente! Solo dopo settimane e settimane di ascolto ad alto volume, ho scoperto che lei è Hannah Montana. Vabbè.

46 New York – Cat Power >La mia prima PropostaMusicaleAlternativa dell’anno. E’ una delle due cover presenti in classifica.

45 Little Bit of Feel Good (Snr. Coconut rmx) – Jamie Lidell >Vero successo mainstream impreziosito dallo Stile di Senor Coconut.

44 Movement – Stee Downes >Polistrumentista e dj. Il disco è uscito a ottobre su Sonar Kollektiv (cioè il meglio), elegante apoteosi di neosoul, acidjazz e, nel caso di questo pezzo, anche un po’ di brokenbeat.

43 Home is Where It Hurts – Camille >A proposito di Francia, anche se è in inglese. Leggermente inferiore all’ottimo livello delle tracce incluse nel precedente ‘Le Fil’.

42 The Ritornello – The Ideal Husband >Un po’ Nouvelle Vague, un po’ ‘Quelli eran giorni’. Altra P.M.A. (la #28)

41 Take Care – Lizzy Parks >Jazz, soul, atmosfere vintage, archi a volontà. Tra le migliori rivelazioni dell’anno.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.