FASHION STRONZE

Ha ragione la Littizzetto quando dice che, guardando una puntata di Report, uno si aspetta che il giorno dopo i giornali parlino dei vari polveroni alzati dalla Gabanelli e inviati vari.

E invece niente. Il lunedì mattina spazio alle Veline e ai Gabinetti e noi poveri cristi che ci facciamo un bel clistere di valium (cito ancora la Littizzetto) prima di andare a letto altrimenti… altrochè sogni d’oro!  

La puntata di domenica (l’ultima della stagione) aveva come tema i marci interessi che stanno dietro il mondo della moda. Per carità venire a sapere delle prepotenze e dei capricci di Anna Wintour (il dollaro americano è troppo debole, la settimana della moda milanese DEVE essere concentrata/minimizzata in 4 gg) non mi ha meravigliato più di tanto. Per non parlare degli affari d’oro delle Miuccie, degli Stefano e dei Domenico vari.

Una borsa che in fase di produzione costa 30€, in negozio la paghi 440!!! Oppure quella creata al 70% in Cina, ma che si merita il marchio Made in Italy perchè il restante 30% viene realizzato in Italia (per legge dovrebbe essere il contrario).

E ancora la direttrice di Vogue Italia che non fa lavorare i fotografi italiani, a parte suo figlio! 

E’ la mancanza di rispetto nei confronti del prestigioso artigianato italiano, dei professionisti, del lavoro in regola e di un Bel Paese che è sempre più Terzo Mondo che mi fa incazzare.

E, come dicevo in precedenza, le autorevoli (???) testate italiane non ci pensano nemmeno un poco a sputtanarli tutti.

 

Sicuramente a molti verrebbe da dire che gli amanti del lusso ostentato, le fashionvittime e i modaioli una presa per le chiappe del genere se la meritano. Però, secondo il mio modestissimo parere, la questione riguarda un po’ tutti, perchè se i grandi marchi si comportano in questo modo non oso pensare cosa ci possa essere dietro al pronto moda o ai grandi affaroni degli outlet.

 

Naturalmente molti dei personaggi in questione non hanno concesso interviste.

E a conferma che non mi sono inventato niente e che esistono pure alcuni pochi ma buoni, QUI il link al sito realtivo alla trasmissione tv.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.